Implantologia a carico immediato.

0
116

Impianto a carico immediato.

L’implantologia a carico immediato è un tipo di tecnica, alternativa a quella più comune, che permette di inserire gli impianti e le protesi nello stesso momento (o quasi). Questa soluzione giova molto a quei pazienti giovani o che, comunque, non vogliono compromettere la loro vita sociale e il loro lavoro dovendo trascorrere qualche mese senza uno o più denti. Questo è il motivo per cui sono sempre di più le persone a richiedere questo tipo di trattamento, che, tuttavia, deve pur sempre subire la valutazione del dentista, il quale potrà stabilire se ci sono tutte le carte in regola per metterlo in atto o meno.

implantologiaacaricoimmediato

Impianti a carico immediato.

La differenza tra l’implantologia a carico immediato e quella comune è piuttosto evidente. Normalmente, si procederebbe all’inserimento degli impianti nell’arco di una seduta e, solo una volta trascorso un certo periodo di tempo – tra i quattro e i sei mesi – verrebbero applicate anche le protesi in sostituzione dei denti. Ma, durante questo periodo di attesa, il paziente potrebbe risultare a disagio avvertendo la mancanza di uno o più denti. Per questo motivo, il dentista può, talvolta, scegliere di consigliargli la soluzione a carico immediato.

Secondo questo trattamento alternativo, e sicuramente più rapido, il paziente dovrà attendere solamente 24-48 ore prima di poter procedere con l’adattamento delle protesi. Inutile spiegare i vantaggi che ciò comporta e che sono sicuramente utili nei confronti dell’estetica della persona. L’implantologia a carico immediato viene preferita specialmente in quei casi in cui al paziente mancano più denti e, in questo caso, si andrebbe a ripristinare sia la funzione estetica che masticatoria. Risulta molto utile anche quando l’unico dente mancante è situato in una posizione scomoda, quindi visibile, come un incisivo.

Impianti a carico immediato. Le situazioni.

Per ricorrere agli impianti a carico immediato, così come a quelli normali, il paziente deve presentare alcune caratteristiche ed è, quindi, bene seguire i consigli del dentista, il quale sarà in grado di stabilire se l’implantologia sia o meno la soluzione più adatta. Una volta optato per questa tecnica, verranno inseriti degli impianti, ovvero delle viti in titanio, in sostituzione delle radici del dente. A questi verranno, successivamente, attaccate le protesi in resina o ceramica. Sembra un intervento doloroso, ma, in realtà, sarà presente solo un dolore minimo nella fase post-operazione.