Panoramica dentale.

0
148

Panoramica denti.

Una panoramica dentale, o ortopantomografia in gergo medico, è il primo esame che si affronta quando si mette piede in una clinica odontoiatrica. Questo perché, come dice il nome, serve a dare una panoramica sulla bocca del paziente, in modo da stabilire eventuali patologie da curare e realizzare un percorso da seguire con il proprio dentista. Senza questo esame, non sarebbe possibile individuare tutte le carie o altre problematiche, invisibili a occhio nudo, che possono aver colpito i denti di un paziente in profondità.

Panoramica dentale. Come si fa.

La panoramica dentale è un esame radiologico e, per questo motivo, occorre prendere alcune precauzioni per difendersi dai raggi-x che spiegheremo di seguito. Cominciamo col dire che il suo scopo è quello di ottenere un’immagine dei denti, delle loro arcate e delle ossa mascellari e mandibolari. Grazie a questa radiografia, il dentista può identificare carie, granulomi, cisti, fratture, inclusioni e molte altre patologie che non sarebbero riconoscibili altrimenti. Grazie alla panoramica dentale è, così, possibile venire a conoscenza dello stato di salute generale della bocca di un paziente e, di conseguenza, studiare con lui un percorso per curare le eventuali patologie nate dall’esame.

panoramicadentale

Radiografia denti. Come si esegue una panoramica dentale

Il metodo di esecuzione dell’ortopantomografia consiste nel posizionarsi di fronte a un macchinario in una camera isolata. Il paziente dovrà rimanere immobile per tutta la durata dell’esame (dove, in realtà, occorrono pochi secondi per ottenere il risultato) e a favorire la sua immobilità intervengono diversi appoggi, come quello del mento, della fronte, delle tempie, oltre a due maniglie che devono essere strette dalle mani. Il tutto può variare in base alla clinica, ma, di solito, è presente anche un supporto in plastica che va stretto tra i denti per assicurarne la totale immobilità.

Panoramica dentale. Precauzioni.

È necessario prendere così tante precauzioni per evitare di dover ripetere l’esame da capo e, di conseguenza, essere nuovamente esposti ai raggi-x. Infatti, nonostante si tratti di un’analisi del tutto indolore, le radiazioni emanate sono l’unica cosa che possono danneggiarci, anche se presenti in piccola quantità e tenendo conto del fatto che, a volte, possono essere forniti dei supporti per evitare il contatto diretto. Le donne incinte devono sempre informare il medico del loro stato, per evitare delle problematiche nel feto. Inoltre, prima di effettuare una panoramica dentale, occorre sempre rimuovere oggetti in metallo (piercing, orecchini, collane…).