Pulizia dei denti.

0
165

Detartrasi.

Eseguire una pulizia dei denti un paio di volte all’anno aiuta mantenere i nostri denti in salute e prevenire patologie come carie, che trovano particolare ospitalità in presenza di placca e tartaro. Una detartrasi elimina del tutto i batteri presenti nella bocca e che non si riesce a rimuovere con il solo ausilio dello spazzolino. Inoltre, presenta molti altri vantaggi che vi descriveremo di seguito.

La pulizia dei denti, o detartrasi, deve essere accompagnata all’igiene orale quotidiana, perché quest’ultima non è in grado da sola di rimuovere tutti i depositi di placca e tartaro. Lo spazzolino si limita, infatti, ad agire sulla superficie dei denti e non riesce a raggiungere alcune zone nascoste, nelle quali è facile che si accumulino dei batteri col passare del tempo.

Pulizia dentale. Le modalità.

La pulizia dentale viene eseguita tramite degli strumenti appuntiti, che servono a raggiungere le zone più nascoste della bocca. Venendo eseguita senza anestesia (eccetto in casi eccezionali) può risultare fastidiosa, soprattutto se si soffre di ipersensibilità dentinale o si è aspettato troppo a lungo prima di sottoporsi alla terapia, con il conseguente accumulo di una quantità eccessiva di placca e tartaro. Tuttavia, è un’operazione sopportabile e che dura 15-30 minuti.

Pulizia dei denti. I vantaggi.

Oltre al vantaggio di pulire completamente i denti, la detartrasi può prevenire la formazione di carie, pulpiti, gengiviti e piorrea e, quindi, di tutte quelle malattie che possono colpire denti e gengive. Inoltre, rafforza i denti, prevenendo l’ipersensibilità dentinale, e si dimostra un valido rimedio ai denti gialli. Insomma, in una sola seduta dal dentista è possibile ottenere numerosi vantaggi e aiutare i nostri denti a rimanere il più a lungo possibile in salute e prevenirne la perdita.

puliziadeidenti

Costo pulizia dei denti.

Il costo della pulizia dei denti si aggira dai 50 ai 100 euro, ma, rispetto ai numerosi vantaggi che offre, sono del tutto accettabili. La frequenza con cui va praticata è di una volta ogni sei mesi, massimo una volta all’anno. Si consiglia sempre di non aspettare troppo per evitare un eccessivo accumulo di placca e tartaro, ma neanche di praticarla troppo frequentemente per evitare di ottenere risultati opposti. È possibile richiedere una pulizia dentale ogni tre mesi solamente nel caso di specifiche malattie del cavo orale, tra le quali sono inclusi denti storti e malocclusione dentale.