Sbiancante denti.

0
192

Sbiancare i denti.

Quando si è soggetti a vizi come il fumo è inevitabile, col passare del tempo, iniziare a vederne gli effetti negativi sui propri denti. In particolare, ci riferiamo all’aspetto che questi assumono, presentando delle macchie antiestetiche e delle colorazioni che possono andare dal giallognolo al marroncino. Insomma, quando ci si ritrova con una colorazione alterata, l’unica soluzione è uno sbiancante denti, che può essere adoperato direttamente dal dentista, nell’arco di una seduta, o con metodi fai-da-te. Ovviamente, i risultati varieranno a seconda del metodo utilizzato, ma la costanza nel tempo rimane sempre la migliore alleata per veder apparire i propri denti più bianchi nel lungo periodo.

sbiancantedenti

Trattamento sbiancante denti. Cause e rimedi, professionali e naturali, ai denti gialli.

Le cause che portano lo smalto dei denti a mutare la sua colorazione sono molteplici e, tra queste, c’è sicuramente anche l’età. Ma quello che fa la differenza è ciò di cui ci nutriamo o che entra a contatto con i nostri denti. Il caffè è la principale bevanda che porta alla formazione di macchie e ingiallisce la superficie dentale. Ma anche il fumo non è da meno ed è ovvio che, se abbinati insieme, come spesso accade, diventano un’arma potentissima contro lo smalto dei nostri denti.

Sbiancante per denti. Le buone abitudini.

Quindi, prima di rivolgersi a uno sbiancante denti, è necessario correggere le proprie abitudini, in modo da evitare che le macchie si ripresentino anche dopo il trattamento. Detto questo, i metodi migliori per sbiancare i denti sono, sicuramente, associati a una seduta dentistica. Infatti, nulla donerà al proprio sorriso un aspetto migliore di una lampada, principale metodo utilizzato tra gli sbiancanti denti. Questi trattamenti costano, di solito, dai 300 ai 600 euro e hanno una durata di circa un paio d’anni.

Sbiancante denti. Le tante soluzioni.

Se si vuole spendere meno è magari assicurarsi anche una durata maggiore nel tempo, si può ricorrere ad altre soluzioni casalinghe. Tra queste, una delle più utilizzate, è il bicarbonato di sodio, che viene, di solito, applicato allo stesso modo di un dentifricio. Bisogna, però, fare attenzione perché i suoi componenti rischiano di corrodere lo smalto se usato troppo di frequente. Altri metodi usati come sbiancante denti sono le strisce adesive e le penne sbiancanti, mentre, se non si vogliono correre rischi, ci si può affidare alla natura con i classici metodi della nonna (mangiando limoni, mele, fragole…).