Parodontite.

0
185

Parodontologie.

La parodontite, conosciuta anche come piorrea, è un’infiammazione gengivale e che coinvolge l’intera parte che sostiene il dente. La conseguenza più grave di questa patologia è la caduta dello stesso, non avendo più nulla in grado di sorreggerlo. È molto facile arrivare a questo stadio senza accorgersene, essendo una malattia progressiva e che agisce lentamente. Ma, se diagnosticata in tempo, la parodontite può essere tranquillamente curata tramite farmaci o attraverso degli interventi (in alcuni casi chirurgici) del dentista. La prevenzione, come nel caso di qualunque altra malattia, rappresenta sempre la soluzione migliore per evitare simili preoccupazioni.

Piorrea. Cos’è la parodontite e come si presenta.

La piorrea è un disturbo molto insidioso e che può portare a rovinare la bocca di una persona senza che questa si sia mai accorta di esserne affetta. Infatti, talvolta risulta asintomatica o, comunque, progredendo i sintomi in maniera lenta e discontinua potrebbero non essere notati da chi ne soffre, fino a quando non è troppo tardi. Diagnosticare la parodontite, in alcuni casi, può, quindi, non essere così semplice, a meno che non ci si rivolga al dentista. Anche in questo caso, non possiamo non consigliarvi di effettuare delle visite periodiche in modo tale da rilevare un qualunque tipo di anomalia all’interno della vostra bocca.

parodontiteGengive sanguinanti. Una conseguenza spesso di disattenzioni.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la piorrea si presenta con una gengivite, e quindi con sanguinamento delle gengive. Questo succede perché una scarsa igiene orale o eseguita in maniera scorretta e senza l’ausilio della detartrasi periodica porta all’accumulo di batteri. Soprattutto nelle zone vicino alle gengive, è facile che la placca riesca a insinuarsi senza essere notata, essendo più difficile da rimuovere con lo spazzolino. Quando questi batteri iniziano a moltiplicarsi, l’unico rimedio per eliminarli prima che la situazione degeneri è, senza dubbio, la pulizia dentale, in grado di agire anche negli angoli più piccoli e nascosti.

Parodontite. Un problema da non sottovalutare.

Quando questo accumulo di placca viene trascurato e sopraggiunge anche il tartaro, l’infezione inizia a spingersi sempre più in profondità nelle gengive, che si distanzieranno naturalmente dai denti, permettendo ai batteri di proliferare. La conseguenza di tutto ciò è l’intaccamento dell’osso che, insieme alle gengive, sostiene il dente. Se non si corre subito dal dentista una volta appurato che il dente infetto ha iniziato a muoversi, c’è il rischio della caduta dello stesso.