Durata otturazioni.

0
169

Otturazioni denti. La vita e la durata.

Il dentista ricorre all’uso delle otturazioni quando un paziente presenta una carie che necessita di essere curata. Ne esistono di diverse tipologie, a seconda delle esigenze e, ognuna di queste, presenta un proprio costo. Ma, a influire sulla scelta di un materiale piuttosto che un altro è la durata delle otturazioni, che varia, appunto, a seconda degli elementi di cui è formata. Scopriamo, nei dettagli, quanto può durare un simile intervento in base al materiale utilizzato.

Durata otturazioniQuanto dura un’otturazione.

Un’otturazione ha il compito di coprire il buco creato nel rimuovere una carie, impedendo ai batteri di accedervi e formare una nuova infezione. Per questo scopo, è importante che questo tipo di intervento venga eseguito nel migliore dei modi, scegliendo il materiale più adatto, anche a seconda del dente da trattare.

Tenuta otturazione. I materiali.

Esistono alcuni materiali che, infatti, non andrebbero utilizzati per alcuni denti, come il composito, che non risulta essere abbastanza resistente da coprire le pressioni che avvengono nell’uso dei molari. Quest’ultimo ha, però, il vantaggio di mascherarsi tra i denti, avendo un colore molto simile a quello naturale. A differenza degli altri materiali è, però, anche quello con la durata minore.

La durata delle otturazioni. Il tempo medio.

La durata delle otturazioni meglio eseguite dovrebbe essere di circa 10 anni, anche se tutto dipende da come uno si prende cura dei propri denti. Infatti, anche quelli naturali potrebbero durare molto di più (anche pari a una vita intera) se solo prestassimo più attenzione alla loro pulizia e all’alimentazione.

Un altro materiale moderno e sempre più usato dagli studi odontoiatrici è la ceramica, anche questa con un aspetto che ricorda quello dei denti, anche più del composito. In questo caso, però, la resistenza è ben diversa e risulta superiore rispetto a quest’ultimo, unendo l’estetica a una buona durata.

Durata otturazioni. L’amalgama.

Un materiale che viene sempre meno usato, per via dello scandalo del mercurio scoppiato qualche anno fa, è l’amalgama, che, tra tutti, è quello in assoluto più resistente e, forse, l’unico che possiede, realmente, tutte le carte in regola per durare una decina d’anni.